L’Assicurazione del fabbricato è obbligatoria in Condominio?

Vediamo di capire nel dettaglio cosa è previsto nel contratto di assicurazione e cosa no

L’Assicurazione del fabbricato è una delle poche voci che compare nei rendiconti di ogni Condominio. Esistono delle eccezioni, ma sono casi rari. Quindi l’assicurazione non è obbligatoria però è raccomandato stipularne una nel momento in cui i condòmini vogliano essere tutelati sotto questo aspetto.

Scopriamo nel dettaglio cosa è assicurato e cosa non è previsto all’interno di questi contratti.

Cosa copre l’Assicurazione?

  • Incendio, che può includere i danni derivanti da esplosione e da fulmini
  • Responsabilità civile, che tiene al sicuro il condominio dai danni provocati a terzi, compresi i condomini, in maniera accidentale

Esistono anche altre tipologie di garanzie che faranno lievitare i costi della voce assicurazione. Ogni situazione ed ogni Condominio sono diversi e vanno valutate tutte le garanzie più adatte

Cosa non copre l’Assicurazione?

Un esempio tipico è un danno nell’appartamento a causa di una perdita della colonna fognaria del fabbricato. Di norma le polizze condominio prevedono – come specificato sopra – il caso accidentale ma non il danno a seguito di incuria o negligenza. Dunque, a meno che ci siano clausole specifiche per la disciplina di casi particolari, il condomino danneggiato deve chiedere i danni al condominio stesso che, a sua volta, può tentare di far valere il proprio diritto presso la compagnia assicurativa e dimostrare che si tratta di un caso accidentale.

Un altro caso abbastanza tipico è la macchia d’umidità nell’appartamento. In questi casi l’assicurazione globale fabbricato copre il danno? Se si tratta di una tubatura della rete comune e il danno è considerato accidentale (o ci sono clausole specifiche) l’assicurazione può ripagare il danno perché l’inquilino è un soggetto terzo rispetto al condominio che è tutelato dalla polizza.
Se si tratta, invece, di un tratto di tubazione interno all’appartamento (ad esempio una giuntura orizzontale da una stanza all’altra), il proprietario dell’appartamento (o l’inquilino) deve provvedere da sé anche se il danno è grande, rispondendo inoltre per i danni eventualmente causati all’appartamento sottostante.

Chi paga la polizza?

In base a quanto previsto dalla legge 392/78 , la quota della polizza condominio spetta al proprietario e non all’inquilino, salvo diversa disposizione stabilita in fase contrattuale.



Amm. Simone Nozzoli

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *